Il Blog di Paolo Della Bianca

Intervista a Garofdalus

Intervista a Garofdalus

Arona (NO), 18 aprile 2017

Conosco Garofdalus da parecchio tempo, dalla fine degli anni ’90 quando la passione comune per Alan Parsons Project ci fece entrare in contatto per via informatica (tramite una mailing list, strumento oggi in disuso ma ai tempi importante) con un primo incontro di persona qualche anno dopo in occasione di un suo viaggio di lavoro in Europa.

Fisicamente imponente ma dai modi gentili, ho approfondito la sua conoscenza lentamente perché è una persona riservata, rispettosa dei propri spazi così come di quelli altrui.

La qualità che più mi ha colpito di lui è la modestia che mantiene nonostante la pluralità di attività che svolge: IT Director di una società americana, compositore e musicista con diversi album all’attivo, scrittore… decisamente una personalità poliedrica ed eclettica.

Ho incontrato Garofdalus durante un suo recente viaggio in Spagna e in Italia in occasione dell’uscita del suo nuovo romanzo “El Libro de Galaz” ed ho realizzato l’intervista che propongo di seguito.


Has your passion for writing always existed or is it something recent?
It began when I was in fourth grade of elementary school. I was about nine or ten years old. One day I came from school excited and told my parents that I was going to write a book, and so I did. I titled it “The mystery of the aeroplane.” Then that first enthusiasm somehow faded until five years after, when the story of “El Viejo Pobre y Sabio” was conceived.

Your two previous books were released under the name of “Il Garofalo II”.
What brought you to the decision of changing it to Garofdalus?
I was publishing books as “Il Garofalo II” and music as Ale Garofalo. At some point, I thought it was more practical to use one pseudonym for all my artistic work, and I liked Garofdalus, which is an old form of my surname.

Your everyday job is IT Director, which does not apparently require fantasy or creativity.
What does writing books mean to you? Is it a passion, an escape from everyday life or what else?
Writing and composing music are like a play that is always going on in the back of my mind. They are an intrinsic part of me. I can’t think of myself without them. Therefore, when all my responsibilities are done for the day, music and writing kick in, and they take the whole scenario of my thoughts. I can be shopping, walking through aisles with my wife, and in my mind, I am developing an idea for a new novel or composing a new melody.

Continua a leggere

El Libro de Galaz – Garofdalus

El Libro de Galaz - GarofdalusIl nuovo romanzo di Garofdalus, El Libro de Galaz, è uscito lo scorso 6 aprile.

Sono disponibili sia la versione e-book per Kindle, sia quella stampata sul sito di Amazon in questa pagina: https://www.amazon.it/El-Libro-Galaz-Spanish-Garofdalus-ebook/dp/B06XT7RHPV/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1494582691&sr=8-1&keywords=el+libro+de+galaz

Garofdalus ha recentemente visitato Spagna e Italia per presentare il suo libro e abbiamo avuto il piacere di incontrarlo: a breve in questo sito l’intervista con l’autore.

Alice Cooper – Milano, 14 giugno 2016

Alice Cooper - 14-06-16

Nessuno avrebbe potuto immaginare che così tanti artisti musicali che avevano iniziato tra la fine degli anni ’60 e l’inizio degli anni ’70, sarebbero ancora stati in attività nel 2016. Certo, ogni anno lo scenario musicale del rock purtroppo conta i caduti, tuttavia considerando lo stile di vita che si potrebbe definire eufemisticamente come spensierato mantenuto dalla magior parte di questi per una parte delle loro vite … diciamo che parecchi se la cavano ancora bene.

Ovviamente, le voci non sono più potenti come un tempo e la presenza scenica non è sempre dinamica ma sono questioni in qualche modo secondarie, considerando la gioia e l’entusiasmo di assistere ancora oggi a live act quali Deep Purple, The Who e via discorrendo.

Alice Cooper, con i suoi 68 anni suonati (sessantotto!!!) rientra senza difficoltà nella categoria sia per ragioni anagrafiche, sia per i suoi trascorsi da alcolista che ne avevano condizionato l’attività negli anni ’70.

Il concerto tenuto all’Alcatraz di Milano lo scorso 14 giugno ha soddisfatto le attese dei fans. Da un punto di vista musicale non c’erano grandi dubbi, perché la scaletta è praticamente una successione di hits dall’inizio alla fine; da un punto di vista spettacolare, le aspettative sono state ripagate con il consueto contorno di mostri, trasformazione nel mostro di Frankenstein, decapitazione di Alice ecc. ecc. (nessuna traccia del serpente invece).

Continua a leggere

In evidenza: PiD

Paul is Dead Leggenda metropolitana? Burla? Invenzione giornalistica? Oppure un'incredibile verità? Le mie valutazioni su PiD cioè "Paul is Dead" e l'interessante discussione con la partecipazione di voi lettori!

Archivi

Categorie

Chi sono

Paolo Della Bianca

Sono nato a Milano nel 1965, vivo a Vigevano (PV), sono web designer freelance e ho creato questo blog per scrivere ... di tutto un po'.

Eviterò solo la politica perché, data la situazione, è impossibile discuterne senza scadere nella polemica e magari nell'insulto ...

Se vorrete, potrete inviare i vostri commenti che saranno pubblicati, sempre che non siano offensivi e/o volgari.

Grazie dell'attenzione!