Il Blog di Paolo Della Bianca

Tecnologia

Sinclair ZX81

Sinclair ZX81

Correva il 1981 – forse il 1982 ma non oltre – ed investii una parte non trascurabile delle mie modeste risorse economiche nell’acquisto di un home computer modello ZX81 marca Sinclair.

Lo ZX81 seguiva il modello ZX80 del quale erano stati venduti circa 100.000 esemplari ed avrebbe avuto molto più successo, arrivando a circa 1.000.000 di unità vendute.

La Sinclair avrebbe poi proseguito con la serie Spectrum con caratteristiche molto superiori e destinate prettamente ai videogiochi, finendo peraltro col chiudere bottega solo pochi anni più tardi.

Storia a parte, spesi 100.000 delle mie lirette rispondendo ad un annuncio su Secondamano e portai a casa il primo computer della mia vita. Le sue caratteristiche fanno oggi sorridere: 1Kb di RAM (non 1 Giga e neanche 1 Mega: proprio 1Kb!), display b/n 32×24 righe, scomoda tastiera a membrana, un semplice tono come audio. Per memorizzare il software era necessario acquistare un’apposita interfaccia e collegare un registratore a cassette qualsiasi oppure investire in un’unità specificamente progettata e venduta.

La macchina era accompagnata da una guida abbastanza completa sulla programmazione Basic con riferimenti alla diagrammazione a blocchi ed agli operatori logici booleani sicché ebbi modo di apprendere i primi rudimenti dell’informatica.

Da lì in poi non ho più smesso di avere computer, ovviamente sempre più sofisticati. Purtroppo vendetti dopo pochi anni il mio esemplare di ZX81 per comprare un Commodore VIC-20 ma nei giorni scorsi ne ho trovato ed acquistato uno in un mercatino dell’usato a circa 90 euro (computer + alimentatore + stampante, purtroppo non la scatola altrimenti sarebbe costato di più). Il venditore ha giurato che funziona ma devo ancora provarlo; il problema tecnico è costituito dal fatto che la connessione alla TV avviene tramite un cavo d’antenna di vecchia concezione quindi bisogna essere attrezzati per riuscire nello scopo.

Devo riconoscere a me stesso di averci visto lungo sul discorso informatico e non posso fare a meno di sorridere quando i millenials di oggi ironizzano sulla generazione di 50/60enni che a sentire loro non capiscono un tubo di computer. Sicuramente in molti casi è così ma … non nel mio.

Condividi sui tuoi social:

Kickstarter: crowd funding o risk-free funding?

Kickstarter

Non saranno molti quelli che conoscono Kickstarter, quindi copio-e-incollo una parte della definizione che ne dà Wikipedia Italia:

Kickstarter è un sito web di crowd funding per progetti creativi. Tramite esso sono stati finanziati diversi tipi di imprese, tra cui film indipendenti, musica, spettacoli teatrali, fumetti, giornalismo, videogame e imprese legate all’alimentazione. Non è possibile “investire” su progetti Kickstarter per trarne un guadagno in denaro, ma solo “supportare” un progetto in cambio di una ricompensa materiale o un’esperienza unica nel suo genere, come una lettera personale di ringraziamenti, magliette personalizzate, una cena con un autore, o il primo collaudo di un nuovo prodotto. (…)

Come altre piattaforme di raccolta fondi denominate crowd funding, Kickstarter facilita la raccolta di risorse monetarie dal pubblico generico, un modello che aggira molte strategie tradizionali di investimento. I creatori del progetto scelgono una data di scadenza e un minimo di fondi da raggiungere. Se il minimo prescelto non viene raggiunto entro la scadenza, i fondi non vengono raccolti (questo sistema è noto come provision point mechanism)

[Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Kickstarter]

Insomma, questo progetto è nato per consentire a chi abbia una buona idea di reperire risorse finanziarie tramite la platea di Internet, invece delle fonti tradizionali.

Tuttavia …
Continua a leggere

Condividi sui tuoi social:
Menu del sito
Chi sono
Paolo Della Bianca

Sono nato a Milano nel 1965, vivo a Vigevano (PV), sono web designer freelance e ho creato questo blog per scrivere ... di tutto un po'.

Eviterò solo la politica perché, data la situazione, è impossibile discuterne senza scadere nella polemica e magari nell'insulto ...

Se vorrete, potrete inviare i vostri commenti che saranno pubblicati, sempre che non siano offensivi e/o volgari.

Grazie dell'attenzione!

In evidenza: PiD
Paul is Dead Leggenda metropolitana? Burla? Invenzione giornalistica? Oppure un'incredibile verità? Le mie valutazioni su PiD cioè "Paul is Dead" e l'interessante discussione con la partecipazione di voi lettori!
Archivi
Categorie