Il Blog di Paolo Della Bianca

Patrick Macnee (1922-2015)

E’ purtroppo mancato il giorno 25 giugno, peraltro alla veneranda età di 93 anni, l’attore inglese Patrick Macnee.

The Avengers

The Avengers: John Steed (Patrick Macnee) ed Emma Peel (Diana Rigg)

Questo nome dirà poco a chi abbia oggi meno di, diciamo, una cinquantina d’anni: la sua fama è in effetti legata soprattutto all’interpretazione dell’agente speciale John Steed nella serie televisiva “The Avengers” (in Italia “Agente Speciale“), 161 episodi trasmessi originariamente tra il 1961 e il 1969 con una reprise del personaggio nella serie “The New Avengers” del 1976-77.

Vera e proprio serie-culto, sfortunatamente dimenticata dalla televisione negli ultimi anni nonostante la proliferazione di canali “contenitore” legata all’avvento del digitale terrestre, è ben scolpita nella mente di chi come il sottoscritto fruiva ai tempi (primi anni ’70) di una manciata di emittenti: due canali Rai, Svizzera e Capodistria. Per parlarci chiaro, la scelta era limitata ma le serie televisive italiane e straniere di quegli anni erano qualitativamente eccellenti: basi pensare, tra le produzioni britanniche, a “UFO“, “Il Prigioniero”, “Thundebirds” (in marionation), “The Man from U.N.C.L.E.” …

“Agente Speciale” si caratterizzava per la fantasiosità delle situazioni e dei personaggi, giocando sul contrasto tra l’eleganza tradizionalmente inglese del protagonista e l’avvenenza e il dinamismo della sua controparte femminile: l’attrice Honor Blackman nelle prime tre serie in bianco e nero (andate perdute così come numerose altre di quegli anni), poi Diana Rigg nei panni di Emma Peel nelle stagioni migliori della serie, infine Linda Thorson alias Tara King.

Non è mia intenzione redigere una cronistoria di “Agente Speciale” né una biografia di Patrick Macnee: per questo, esistono già fonti esaustive quali il sito IMDB – Internet Movie Data Base (vedi sotto).

Quello che mi preme invece sottolineare è la vera e propria magia che permeava quei telefilm negli occhi di noi bambini che ogni settimana li seguivamo con entusiasmo.

Intendiamoci, fortunatamente anche oggi vengono realizzate serie TV di qualità, sia pure in mezzo a tanta spazzatura infarcita di violenza e scene splatter fini a se stesse.

In qualche modo, tuttavia, la magia di quegli anni è venuta ora meno. Forse, semplicemente, perché eravamo bambini e oggi siamo adulti – più che adulti – e non riusciamo più a rivivere certe emozioni ingenue ma sincere. Forse perché l’offerta di prodotti televisivi è tanto ampia e variegata che ci si “disperde” tra le numerose serie, mentre ai tempi praticamente tutti si guardavano le stesse cose. Forse perché il futuro immaginifico rappresentato in quei telefilm è già … dietro le nostre spalle. Chissà.

Comunque stiano le cose, grazie Patrick Macnee di averci regalato l’interpretazione di John Steed.

Pensando a te pensiamo a quegli anni e siamo ancora un po’ bambini.

Patrick Macnee è morto ma “John Steed brilla tra gli astri“.

La scheda di Patrick Macnee su IMDB: www.imdb.com/name/nm0001495/?ref_=fn_al_nm_1

2 risposte a Patrick Macnee (1922-2015)

  • Avatar

    Buongiorno, è vero il fascino di quella serie è irripetibile , antesignano di ogni lavoro investigativo di ogni genere di avventura. Sono un vero fan di “Agente Speciale” come era nominato in Italia il telefilm The Avengers , e la cosa più triste che la TV non saprà più darmi quelle emozioni…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chi sono
Paolo Della Bianca

Sono nato a Milano nel 1965, vivo a Vigevano (PV), sono web designer freelance e ho creato questo blog per scrivere ... di tutto un po'.

Eviterò solo la politica perché, data la situazione, è impossibile discuterne senza scadere nella polemica e magari nell'insulto ...

Se vorrete, potrete inviare i vostri commenti che saranno pubblicati, sempre che non siano offensivi e/o volgari.

Grazie dell'attenzione!

In evidenza: PiD
Paul is Dead Leggenda metropolitana? Burla? Invenzione giornalistica? Oppure un'incredibile verità? Le mie valutazioni su PiD cioè "Paul is Dead" e l'interessante discussione con la partecipazione di voi lettori!
Archivi
Categorie
Statistiche
  • 36496Totale visitatori:
  • 78665Totale letture: