Il Blog di Paolo Della Bianca

John Steed

Diana Rigg (1938-2020)

Diana Rigg

Se andiamo indietro nel tempo, giusto quei 45/50 anni … quando la televisione aveva solo 1°, 2°, Svizzera e Capodistria … non c’era molta scelta nei programmi che un bambino potesse guardare.
Tra questi spiccavano alcune serie britanniche semplicemente straordinarie per creatività quasi visionaria, ambientazione e recitazione.

Una di queste era “The Avengers“, in Italiano “Agente speciale” nel quale recitavano Patrick Macnee nel ruolo di John Steed e Diana Rigg nel ruolo di Emma Peel.
In realtà c’era stata una precedente attrice in un ruolo analogo e ce ne sarebbe stata una successivamente ma Emma Peel fu il personaggio più riuscito dei tre.

Dopo l’abbandono della serie, Diana Rigg continuò ovviamente a recitare a teatro, per la TV ed il cinema (ebbe un ruolo di co-protagonista nel film forse meno riuscito della serie 007 con George Lazenby, succeduto a Sean Connery nel ruolo dell’agente segreto britannico).

Pochi anni fa a Londra, vidi il suo nome nel cartellone di uno spettacolo teatrale, possiamo dire che abbia recitato fino all’ultimo.

Le nuove generazioni l’hanno vista nella serie “Il trono di spade” ma per quelli della mia età lei sarà sempre innanzitutto Emma Peel.

Ora ha raggiunto Patrick Macnee nel paradiso degli attori ed attrici ma nei nostri cuori vivrà in eterno.

Condividi sui tuoi social:

Patrick Macnee (1922-2015)

E’ purtroppo mancato il giorno 25 giugno, peraltro alla veneranda età di 93 anni, l’attore inglese Patrick Macnee.

The Avengers

The Avengers: John Steed (Patrick Macnee) ed Emma Peel (Diana Rigg)

Questo nome dirà poco a chi abbia oggi meno di, diciamo, una cinquantina d’anni: la sua fama è in effetti legata soprattutto all’interpretazione dell’agente speciale John Steed nella serie televisiva “The Avengers” (in Italia “Agente Speciale“), 161 episodi trasmessi originariamente tra il 1961 e il 1969 con una reprise del personaggio nella serie “The New Avengers” del 1976-77.

Vera e proprio serie-culto, sfortunatamente dimenticata dalla televisione negli ultimi anni nonostante la proliferazione di canali “contenitore” legata all’avvento del digitale terrestre, è ben scolpita nella mente di chi come il sottoscritto fruiva ai tempi (primi anni ’70) di una manciata di emittenti: due canali Rai, Svizzera e Capodistria. Per parlarci chiaro, la scelta era limitata ma le serie televisive italiane e straniere di quegli anni erano qualitativamente eccellenti: basi pensare, tra le produzioni britanniche, a “UFO“, “Il Prigioniero”, “Thundebirds” (in marionation), “The Man from U.N.C.L.E.” …

Continua a leggere

Condividi sui tuoi social:
Chi sono
Paolo Della Bianca

Sono nato a Milano nel 1965, vivo a Vigevano (PV), sono web designer freelance e ho creato questo blog per scrivere ... di tutto un po'.

Eviterò solo la politica perché, data la situazione, è impossibile discuterne senza scadere nella polemica e magari nell'insulto ...

Se vorrete, potrete inviare i vostri commenti che saranno pubblicati, sempre che non siano offensivi e/o volgari.

Grazie dell'attenzione!

In evidenza: PiD
Paul is Dead Leggenda metropolitana? Burla? Invenzione giornalistica? Oppure un'incredibile verità? Le mie valutazioni su PiD cioè "Paul is Dead" e l'interessante discussione con la partecipazione di voi lettori!
Archivi
Categorie
Statistiche
  • 55415Totale visitatori:
  • 197552Totale letture: