Il Blog di Paolo Della Bianca

Ale Garofalo

Ale Garofalo – Giant Hopes

AleG arofalo - Giant Hopes

Sono lieto di informarvi che è uscito negli scorsi giorni il nuovo album singolo (2 brani) GIANT HOPES del mio amico e valente musicista/compositore Ale Garofalo, del quale avevo recensito il precedente disco THE GIANT TREES in questo articolo.

E’ possibile acquistarlo on line ad un prezzo poco più che simbolico sui seguenti siti:

Bandcamp: http://alegarofalo.bandcamp.com/

cdbaby: http://www.cdbaby.com/cd/alegarofalo2

iTunes: https://itunes.apple.com/us/album/giant-hopes/id676854910?i=676854917&ign-mpt=uo%3D4

Amazon: http://www.amazon.com/gp/product/B00E2IZ362

Seguirà una mia personale recensione del disco.

Complimenti ad Ale!!!

Ale Garofalo: The Giant Trees

[NdA: questo articolo era stato pubblicato in un altro blog a maggio 2011. Dato che Ale Garofalo sta lavorando ad un nuovo album, la cui data di uscita non è ancora stata annunciata, lo ripropongo volentieri qui]

Ale Garofalo: The Giant Trees

In un precedente articolo di questo blog, avevo già annunciato il CD The Giant Trees di Ale Garofalo, mio amico e valente compositore e musicista che vive negli Stati Uniti.

Essendo nel frattempo uscito il disco, sono in grado di presentare una mia personale recensione brano per brano, redatta durante l’ascolto e dunque fortemente influenzata dalle emozioni dell’ascolto stesso.
Così come è giusto che sia, quando parliamo di musica di un certo tipo.

1. The Giant Trees

Brano strumentale, carico di atmosfera. L’inizio lento rappresenta in maniera straordinariamente efficace l’ingresso nella “foresta dei giganti”, cioè il Sequoia National Park che ha costituito la fonte di ispirazione di Ale per questo disco: un ingresso rispettoso, carico di soggezione di fronte alla maestosità degli alberi, testimoni degli eventi storici lungo i secoli e metafora per rappresentare i grandi personaggi della storia.
La soggezione iniziale esplode poi in ammirazione espressa, tramite l’assolo di chitarra di Michael Dowdle.
Eccellente inizio per un concept album di spessore.

2. These Are My Days

Brano cantato da Ale – che suona anche tutti gli strumenti, come nella maggior parte delle tracce del disco.
Questa canzone è un inno ai tempi passati ed ai suoi protagonisti, riletti in una chiave idealizzata:

“Sometimes I feel so sad ’cause of the evil I see imbued in the world, and the I just desire:
To have had my own days, in times of my forefathers.
Back then more men were firm, steadfast and unmoving,
Slower in allowing to be dragged into evil (…)

L’abbinamento voce + piano, unitamente al testo, impregna il brano di malinconia ma non manca il finale di ottimismo:

Today is the time to strive and to seize the day.
You must look beyond. There is no need to cry ’cause today you can shine”

Molto bella la voce di Ale in questo pezzo che considero una delle “gemme” dell’album.

Continua a leggere

Chi sono
Paolo Della Bianca

Sono nato a Milano nel 1965, vivo a Vigevano (PV), sono web designer freelance e ho creato questo blog per scrivere ... di tutto un po'.

Eviterò solo la politica perché, data la situazione, è impossibile discuterne senza scadere nella polemica e magari nell'insulto ...

Se vorrete, potrete inviare i vostri commenti che saranno pubblicati, sempre che non siano offensivi e/o volgari.

Grazie dell'attenzione!

In evidenza: PiD
Paul is Dead Leggenda metropolitana? Burla? Invenzione giornalistica? Oppure un'incredibile verità? Le mie valutazioni su PiD cioè "Paul is Dead" e l'interessante discussione con la partecipazione di voi lettori!
Archivi
Categorie
Statistiche
  • 39233Totale visitatori:
  • 96505Totale letture: